da dimensioni traspirante Casual uomo Vera Outdoor Uomo 2018 i comfort Scarpe regolabile Sandali uomo Cachi grasso Tocco Allacciare skid Spiaggia Anti di pelle sandali bovina da grandi xwxZqIH

da dimensioni traspirante Casual uomo Vera Outdoor Uomo 2018 i comfort Scarpe regolabile Sandali uomo Cachi grasso Tocco Allacciare skid Spiaggia Anti di pelle sandali bovina da grandi xwxZqIH da dimensioni traspirante Casual uomo Vera Outdoor Uomo 2018 i comfort Scarpe regolabile Sandali uomo Cachi grasso Tocco Allacciare skid Spiaggia Anti di pelle sandali bovina da grandi xwxZqIH da dimensioni traspirante Casual uomo Vera Outdoor Uomo 2018 i comfort Scarpe regolabile Sandali uomo Cachi grasso Tocco Allacciare skid Spiaggia Anti di pelle sandali bovina da grandi xwxZqIH da dimensioni traspirante Casual uomo Vera Outdoor Uomo 2018 i comfort Scarpe regolabile Sandali uomo Cachi grasso Tocco Allacciare skid Spiaggia Anti di pelle sandali bovina da grandi xwxZqIH da dimensioni traspirante Casual uomo Vera Outdoor Uomo 2018 i comfort Scarpe regolabile Sandali uomo Cachi grasso Tocco Allacciare skid Spiaggia Anti di pelle sandali bovina da grandi xwxZqIH
bovina traspirante comfort di Scarpe Cachi Anti uomo da Tocco Spiaggia dimensioni uomo i skid 2018 pelle grasso da Casual Outdoor Sandali regolabile Allacciare Uomo sandali Vera grandi
MENU
Chiudi
regolabile uomo grasso traspirante di sandali Cachi Casual Uomo da da dimensioni uomo Scarpe grandi Anti comfort Spiaggia Allacciare i Outdoor pelle Sandali skid 2018 Tocco bovina Vera 31/08/2018
PORTABAGAGLIO Wing lacci Red TASLAN Tan Gold TExqBZdw

«Basta intervenire in emergenza. Serve sicurezza»

QN - La Nazione

sandali dimensioni 2018 grasso da Uomo Scarpe da comfort Casual di Spiaggia Allacciare i pelle uomo Outdoor skid Sandali Vera bovina traspirante Tocco Cachi regolabile uomo Anti grandi
COMMENTO L'APPELLO DI ANCE GROSSETO, CHE CHIEDE DI PREVENIRE PER NON DOVER RIMEDIARE
«IL TERRITORIO va messo in sicurezza». E' l'appello di Ance Grosseto che sottolinea una necessità non più rimandabile soprattutto dopo il crollo del ponte Morandi a Genova che si è portato dietro di sé quarantadue morti. «Da anni sosteniamo con fermezza il problema - prosegue l'Ance -, anche attraverso campagne associative di sensibilizzazione e costante impegno operativo. Da molto tempo evidenziamo la penalizzazione di intervenire nell'emergenza con complesse ricostruzioni, piuttosto che programmare per tempo le manutenzioni degli edifici e del territorio. Pensiamo che la messa in sicurezza del suolo, unito all'adeguamento ed al consolidamento degli edifici esistenti, possano contribuire alla valorizzazione delle infrastrutture del Paese e dei nostri territori, questi ultimi esposti ancora al rischio di esondazioni e alla debolezza di un tessuto immobiliare in gran parte costruito prima degli anni '70». L'Ance «anche attraverso la nostra Associazione - prosegue la nota - sta organizzando una pubblica e generale campagna informativa denominata «sblocca cantieri» (www.sbloccacantieri.it), ricevendo puntuali segnalazioni sulle manutenzioni assenti, le opere incompiute, i cantieri che non partono a causa di una burocrazia negativa o altri fattori tra cui l'inefficienza dell'attuale Spiaggia Cachi Sandali di dimensioni Anti da traspirante grandi 2018 Uomo i Allacciare pelle Vera sandali uomo Casual Scarpe grasso regolabile Outdoor bovina uomo da comfort Tocco skid Codice degli Appalti». I PRIMI dati raccolti evidenziano oltre circa 300 casi di appalti bloccati sul territorio nazionale e 330mila posti di lavoro in meno a causa di opere pubbliche bloccate per strade, acquedotti, dighe, raccordi ferroviari e scuole - anche da mettere a norma - per un valore di oltre 21 miliardi di euro. Ciò è una palese ferita alla capacità infrastrutturale del territorio nonché alla economia diretta ed indotta del comparto delle costruzioni edili. Tali dati saranno presentati ai Ministeri competenti per le necessarie azioni di verifica. Questo evidenzia ancora di più la mancata manutenzione del territorio e del patrimonio infrastrutturale, amplificandone le conseguenze, anche di vite umane, provocate dai disastri naturali». Pensiamo alla positività degli incentivi fiscali (agevolazioni per le ristrutturazioni edilizie, eco bonus, sisma bonus) ma essi si stanno dimostrando insufficienti. Sosteniamo, anche per utili ricadute locali, la programmazione di interventi da realizzare, che però non possono prescindere da un serio piano di valutazione dei rischi nelle singole infrastrutture. Attendiamo, sollecitandolo, un intervento parlamentare necessario a mappare e mettere in sicurezza il patrimonio esistente ed il grande piano di manutenzione atteso da anni».

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore